User

Login oppure Registrati

Posizione occupazionale delle donne napoletane

Le donne che risultano lavorare, pertanto, coerentemente anche con i settori di prevalenza, dove riescono a trovare impiego, sono nella posizione di dipendenti subordinate (la quasi totalità del campione che totalizza un 82% di quota proporzionale). Libere professioniste e lavoratrici in proprio esistono anche se nella misura del 16%, a dimostrazione del fatto che spirito di inventiva e coraggio sul mercato non sono caratteristiche che sembrano mancare alle donne napoletane, seppure è vero che una struttura di mercato come quella attuale, priva di certezze e ricca di compromessi, porta il cercare un rifugio sicuro, quando possibile, in ruoli subordinati e di dipendenza 

Figura 1.46: Distribuzione delle donne residenti per posizione occupazionale – Elaborazioni del Dipartimento di Scienze sociali Università di Napoli Federico II su dati Statistiche Comune di Napoli 2001

Disaggregando il dato per municipalità, quello che si può notare è che imprenditrici e liberi professionisti siano maggiormente presenti in municipalità come la 1 e la 5, i lavoratori in proprio in tutte le altre, mentre tratto comune restano gli alti picchi di dipendenti per tutte le municipalità.

Figura 1.47: Distribuzione delle donne residenti per posizione occupazionale e per municipalità – Elaborazioni del Dipartimento di Scienze sociali Università di Napoli Federico II su dati Statistiche Comune di Napoli 2001

A cura del Dipartimento di Scienze sociali Università di Napoli Federico II Direzione e coordinamento: Enrica Amaturo, Anna Maria Zaccaria Gruppo di ricerca: Flavia Menna, Dario Minervini, Gabriella Punziano

 

 

Precedente<<  

Go-back-icon Indietro
Logo_ue Logo_ri Logo_fse Logo_campania Logo_napoli
Logo_paa Logo_lupt Logo_cdie