User

Login oppure Registrati

Stranieri a Napoli

Ciò che viene descritto nella fig. 1.7 è la presenza di cittadini stranieri residenti al 1° gennaio 2011. Guardando all’andamento temporale, quello che si può evincere è un progressivo aumento delle unità presenti arrivando a 29.428 unità totali. Che rappresentano il 3,1% della popolazione residente. Una componente che sembrerebbe poco consistente ma della quale non se ne intende l’entità se non tenendo in considerazione le forme di presenza irregolare e temporanea di questo tipo di popolazione. Stima attualmente non ben precisata, ma che stando a fonti Censis 2013, rapporti Unar (2013) e altre fonti relative ad immigrazione in senso stretto, potrebbe aggirarsi anche vicina al 7-8%.

Figura 1.7: Cittadini stranieri presenti Elaborazioni del Dipartimento di Scienze sociali Università di Napoli Federico II

In fig. 1.8, invece, vengono riportati i principali paesi per provenienza degli immigrati residenti a Napoli. Di questi, più del 45% proviene dalla stessa Europa, considerando i paesi extra UE soprattutto della penisola balcanica ed Est europeo. Segue un 36% dell’Asia, prevalentemente con srilankesi e cinesi. Un 10% dell’Africa, soprattutto della parte Nord. Un 8,5% dell’America Meridionale, con classi estremamente residuali di apolidi e provenienti dall’Oceania.

Figura 1.8: Percentuale di stranieri sulla popolazione e divisione per principali aree di provenienza Elaborazioni del Dipartimento di Scienze sociali Università di Napoli Federico II 

Guardando ancora di più nel dettaglio della fig. 1.9, infatti, è possibile evincere che la comunità straniera più numerosa è quella proveniente dall’Ucraina con il 22,1% di tutti gli stranieri presenti sul territorio, seguita dallo Sri Lanka (ex Ceylon) (18,2%) e dalla Repubblica Popolare Cinese (8,3%). Tra queste le prime due comunità sono di vecchio insediamento e consistente radicamento della tradizione immigratoria, la comunità cinese, invece, è di recente ingresso nella città ed ha mostrato una enorme velocità di crescita e radicamento territoriale diventando nel giro di cinque anni la terza comunità presente e regolare.

 

Figura 1.9: Comunità straniere prevalenti Elaborazioni del Dipartimento di Scienze sociali Università di NapoliFederico II

Prendendo in considerazione la piramide delle età anche per la popolazione straniera, come si può vedere in fig. 1.10,  la componente femminile di immigrati non solo è quella più numerosa, ma a differenza degli uomini, la classe di età mediana delle donne risulta più elevata (35-39 contro i 30-34 degli uomini) e ciò lascia trasparire di per sé la rilevanza che questa categoria può assumere all’interno di un ambito cittadino come quello napoletano, soprattutto in merito ad espressione di specifiche necessità e bisogni.

 

Figura 1.10: Popolazione per cittadinanza sesso ed età Fonte: TuttoItalia.it

Per la provenienza delle donne straniere residenti a Napoli, si dispone di dati relativi alla distribuzione relativa al 2011 che viene presentata nella fig. 1.48. Per la maggioranza (circa il 33%) la principale area di provenienza delle straniere residenti è relativa ai paesi extra europei come Ucraina e Romania, seguita dal sud ovest asiatico (Sri Lanka soprattutto) e sud est asiatico (Cina).

 

Figura 1.48: Distribuzione donne residenti per paese di provenienza – Elaborazioni del Dipartimento di Scienze sociali Università di NapoliFederico IIsudati Anagrafe Comune di Napoli 2011

Disaggregando il dato per municipalità, si può, invece notare nella fig. 1.49, che esistono specifiche caratterizzazioni per le diverse zone considerate. In particolare straniere provenienti dall’area extra UE (Ucraina, Romania, etc.) sono maggiormente presenti nelle municipalità 1, 5 8, 9 e 10, che essendo le municipalità più agiate necessitano maggiormente di badanti e lavoratrici dedite alla cura. Dal sud ovest asiatico nelle municipalità 2 e 3, più centrali e fonte di lavori precari ancora domestici. Nel sud est asiatico nella municipalità 4 e 6 dove iniziano a sorgere i segni dell’imprenditoria straniera etnica e cinese soprattutto.

 

Figura 1.49: Distribuzione delle donne residenti per paese di provenienza e per municipalità – Elaborazioni del Dipartimento di Scienze sociali Università di NapoliFederico IIsudati Anagrafe Comune di Napoli 2011

A cura del Dipartimento di Scienze sociali Università di Napoli Federico II Direzione e coordinamento: Enrica Amaturo, Anna Maria Zaccaria Gruppo di ricerca: Flavia Menna, Dario Minervini, Gabriella Punziano

 

 

Precedente<<   

Go-back-icon Indietro
Logo_ue Logo_ri Logo_fse Logo_campania Logo_napoli
Logo_paa Logo_lupt Logo_cdie